Archivio  Archivio foto  Contatti    |    English Franšais Deutsch Espa˝ol    |        

     Il comitato
Chi siamo
Visite guidate
Iniziative
Ricordi
Gemellaggio Magliana-Fulda-Hainzell
Per gli studenti

     La catacomba
Le catacombe di Roma
I Martiri
Gallerie
Pitture
Oratorio Damasiano

     Le parrocchie
Parrocchia Santa Maria del Rosario ai Martiri Portuensi
Parrocchia San Raffaele Arcangelo
Parrocchia San Gregorio Magno

 

 

 

 

HomeCatacombe di Roma

Un luogo comune (ma errato) sulle catacombe

di Nicola De Guglielmo

 

IngrandisciL'archeologia, i fori ed i templi dell'Impero romano sono anche troppo raccontati: danno ancora nell'occhio sulle guide turistiche, e anche gli stranieri ne capiscono qualcosa.

Invece, con la visita turistico-sentimentale nelle catacombe - perché mossa più da un sentimentalismo da romanzo che da ricerca di vera cultura - non è che siano ben capite le radici cristiane di Roma. Proviamo ora a liberarci dei luoghi comuni:

Niente di più falso della diffusa opinione di un cristianesimo delle catacombe, quasi che i cristiani avessero condotto una specie di esistenza sotterranea, simili a fiere braccate o a malfattori fuggiaschi”.

Lo afferma uno dei più illustri e recenti storici della Chiesa, Ludwig Hertling, per lunghi anni docente di Storia ecclesiastica alla famosa Università Gregoriana.

I cristiani - nei primi tre secoli della loro esistenza, che sono anche i tre secoli delle persecuzioni, fino all'editto di Costantino dell'anno 313 - vivevano come gli altri Romani.

E, come tutti gli altri Romani, anche alla Messa quasi mai andavano nelle catacombe: avevano luoghi di adunanza, chiamate in greco “ecclesie” (il greco era lingua più popolare del latino, a Roma, in quei tre secoli); pregavano nelle case private e, poi, in vere e proprie chiese.

I cristiani, fin da quando vennero a Roma Pietro e Paolo, avevano le loro professioni come ogni cittadino: molti di essi, in catacomba, ci andarono solo in posizione orizzontale, cioè da defunti. Perché le catacombe sono sempre state soltanto dei cimiteri. O, meglio, dei “dormitori”: dormitori per persone che, anche se cessavano di muoversi o respirare, credevano fermamente nella resurrezione dei morti e nella vita eterna. Venivano quindi allineati sotto terra in attesa del ritorno di Cristo e della vita. Anche la parola “cimitero” viene dal greco e significa all'incirca “dormitorio”; più esattamente luogo dove si riposa.

Quello che è importante, però, al di là delle emozioni catacombali, è vedere le catacombe come documento: sono infatti il più interressante ed ampio, colorito documento di quel che pensava e di come aveva impostato la sua vita questo gruppo sempre crescente di uomini nuovi che avevano messo in crisi le idee tradizionali dell'Impero.

 

Questa pagina Ŕ stata visitata 1479 volte dal 11/12/2008

 

 

 

 


Archivio  Archivio foto  Contatti    |    English Franšais Deutsch Espa˝ol    |        

© 2006-2017 Comitato Catacombe di Generosa. All right reserved. Sito aggiornato senza periodicitÓ (admin)